Copy
Newsletter #30 - Febbraio 2017

Per un'etica della responsabilità politica



 
Queste giornate di fine febbraio hanno fatto molto male a tanti di noi. Vediamo alcuni allontanarsi preoccupati, disorientati, delusi, arrabbiati. Non riescono a comprendere una conflittualità politica autoreferenziale e lontana dalla sua responsabilità verso i problemi urgenti del paese e delle persone più a rischio di marginalità sociale, che aspettano risposte concrete ai loro diritti.
I tanti accorati appelli all'unità, iniziati non a caso dalle donne, sembrano sbiadire in un'insensata e ostinata volontà di separazioni che allargheranno gli orizzonti delle destre e dell'antipolitica, rafforzando tragicamente le modalità del “trumpismo” che, in Europa e in Italia, hanno sdoganato la parte più mostruosa della società.
Non è un caso che proprio le donne si siano fatte interpreti per prime degli appelli all’unità e alla responsabilità. Presenti nel partito, capaci, impegnate a elaborare pensiero, a progettare, pensare, a lavorare per scrivere leggi, mozioni ed emendamenti, il loro lavoro quasi mai finisce sotto i riflettori che illuminano invece le prove muscolari tra i capicorrente, tutti uomini.
Voglio invece ribadire che la responsabilità è il senso della politica. Di una politica che voglia dare priorità alla dimensione umana. Non posso accettare che molte esistenze e storie umane, di sofferenza e degrado, scivolino in silenzio nella dimenticanza che le sospinge alla deriva perché il mondo politico, invece di accompagnarle e sostenerle, o almeno vederle, ascoltarle, non se ne cura.
Lo “sguardo” è strumento politico prioritario perché l’etica della responsabilità significa "rispondere", dare una risposta a qualcuno che "chiama”. Non a caso il pensiero femminile ha fatto nascere la storia del welfare nel nostro paese. Perché nelle donne c'è una pratica politica che sa continuare a guardare fuori, ai problemi reali, alla quotidianità e non sta rinchiusa dentro la logica correntizia, se non quando le donne rimangono ubbidienti al capocorrente rimandate all’afasia storica, deresponsabilizzate.
L’etica politica nasce invece dall’etica della responsabilità e della cura. Per Max Weber l’etica della responsabilità si preoccupa delle conseguenze (politiche) e degli effetti delle proprie azioni, per risponderne alla società. Hans Jonas invita a trasformare l’angoscia per il futuro ("egoismo lungimirante"), tipica del tempo dello sviluppo scientifico-tecnologico, in una risorsa per individuare soluzioni, alimentare un pensiero preventivo sulle azioni che stiamo per compiere, secondo le conseguenze che avranno non solo nell’immediato ma anche sulle generazioni future. Ma è soprattutto Hannah Arendt a sottolineare come la diffusa omissione dello sguardo responsabile si traduca in quella deresponsabilizzazione e ci renda “complici” del male, ogni volta che qualcuno di noi si sottrae alle proprie responsabilità.
Lasciarsi interpellare e rispondere è indispensabile gesto di dialogo con il contesto per costruire spazi e tempi della solidarietà in una prospettiva di responsabilità diffusa. L’etica della cura si traduce quindi in politiche solidali che possono diffondersi e contrastare l’isolamento e le diverse paure (l’insecuritas del nostro tempo che tante forze politiche usano per aizzare senza preoccuparsi di trovare risposte). La responsabilità presuppone quindi la volontà di “decidere”, cioè di assumere l’impegno di una risposta verso qualcuno, delineata già in Dietrich Bonhoeffer.
Pertanto l’etica della responsabilità è necessariamente politica. Nella responsabilità sta oggi la possibilità di abbandonare una politica polverosa e rancorosa, degli apparati, che ti chiede prima con chi stai invece di chiederti cosa pensi. Quella politica ha perso. Perché ha perso di vista le persone, le loro vite concrete, le loro fatiche quotidiane, ma soprattutto la loro passione e il coinvolgimento verso la progettazione.
Solo l’etica della responsabilità ci renderà nuovamente capaci di ricostruire una forza politica per la quale valga ancora la pena sforzarsi di andare avanti, scommettere su un progetto politico unitario ripartendo proprio dalle intelligenze e dal cuore, dalle idee e dalle scelte condivise. Insieme. Non dall'organizzazione delle truppe per un'ulteriore resa dei conti. La differenza delle idee è un valore per un partito, è segno di vitalità e passione. Il confronto è necessario. Così si cresce in politica. Così si trovano le soluzioni ai problemi del Paese.
 
A “Buongiorno Reggio” su TeleReggio per parlare della legge sul "fine vita"
 
Il 31 gennaio sono stata ospite in diretta a “Buongiorno Reggio”, la trasmissione del mattino di TeleReggio condotta da Stefania Bondavalli, per parlare dei contenuti della legge sul consenso informato e sulle disposizioni anticipate di trattamento, ossia dei temi riguardanti il “fine vita”. Nel mio intervento ho illustrato il lavoro fatto in Parlamento – dove è in discussione il testo unificato di diverse proposte di legge, approvato dalla XII commissione Affari sociali e sanità della Camera, che contiene tra le altre anche una proposta di legge a mia prima firma. Le diverse posizioni attualmente in campo su un argomento eticamente così rilevante e delicato ne stanno ritardando l'arrivo in aula, che tuttavia dovrebbe essere imminente.

[Video] Guarda il mio intervento integrale in trasmissione
 
A Montecavolo per premiare i vincitori degli Oscar del basket 2016 - 31° Premio Reverberi
 
Il 20 febbraio nella palestra delle scuole elementari di Montecavolo di Quattro Castella ho partecipato alla cerimonia di consegna del 31° premio Pietro Reverberi - Oscar del Basket edizione 2016 assieme - tra gli altri - al ministro dello sport Luca Lotti e al sindaco di Quattro Castella Andrea Tagliavini. Nello specifico ho consegnato il premio nelle mani della giornalista Paola Ellisse, da oltre 20 anni voce del basket su Sky e veterana del giornalismo sportivo al femminile.
 
Al centro Mavarta per l'assemblea di ascolto dei circoli del Pd di Sant'Ilario e Calerno
 
Il 10 febbraio al centro culturale Mavarta di Sant'Ilario d'Enza si è tenuta l'assemblea dei circoli del Pd di Sant'Ilario e Calerno nell'ambito della campagna di ascolto e confronto politico con il territorio messa in campo dal Pd di Reggio Emilia per ascoltare le proposte di tutti su tre temi: lavoro, sicurezza e immigrazione. È stata una serata aperta per incontrare gli iscritti del Pd, gli elettori, i vecchi e nuovi volontari e i semplici simpatizzanti del partito, ma anche tutti quelli che da qualche tempo hanno smesso di camminare assieme alla nostra comunità.
 
All'Hospice di Albinea l'incontro “Sedersi accanto e offrirsi nella vicinanza del cuore”
 
Il 17 febbraio al centro di formazione Casa Madonna dell'Uliveto di Albinea ho condotto l’incontro “Sedersi accanto e offrirsi nella vicinanza del cuore”, terzo appuntamento del percorso di riflessione dal titolo “Smarrimento e Coraggio” che propone occasioni di ascolto di esperienze e di interrogazione della propria quotidianità in un orizzonte di senso.
 
A Cadelbosco una serata per genitori
"Ri-parliamoci: le parole sono importanti"

 
Il 6 febbraio, in occasione del Safer Internet Day, sono stata nell’auditorium della scuola secondaria di primo grado di Cadelbosco di Sopra per un incontro informativo per genitori sul tema del cyberbullismo dal titolo ”Ri-parliamoci: le parole sono importanti. Come le nuove tecnologie influenzano il nostro modo di comunicare”. Alla serata, introdotta dalla psicologa scolastica dell’istituto comprensivo statale di Cadelbosco Francesca Fontanesi, hanno preso parte anche il sindaco Tania Tellini e il sovrintendente capo della Polizia postale Luigi Quaglio.
 
A Cadè la cena di solidarietà per la Fondazione Durante e dopo di noi di Reggio
 
Il 25 febbraio ho presenziato alla cena di solidarietà organizzata nel salone parrocchiale di Cadè dalla Fondazione Durante e dopo di noi di Reggio Emilia onlus. L’incasso della serata, che ha visto la presenza di oltre cento persone, è stato devoluto interamente alla stessa fondazione per sostenere le sue attività e per finanziare i progetti sulle autonomie delle persone non autosufficienti. È stata una bella occasione per stare insieme, ascoltare le problematiche e le proposte dei presenti, scambiarsi notizie utili e progettare sempre nuove idee per i ragazzi e le ragazze e le loro famiglie.
 
A Reggio incontro con le donne dell'Anpi su ius soli e minori stranieri non accompagnati
 
Il 24 febbraio ho partecipato a un incontro ricco di pensiero e di cuore con le donne dell'Anpi (Donne resistenti) di Reggio Emilia per parlare della legge sui minori stranieri non accompagnati e dello ius soli. L'accoglienza riguarda i diritti di tutti e occorre il coraggio di dire i nostri valori, contrastando le derive leghiste.
 
Proseguono le mie riflessioni
sul sito dell'agenzia di stampa Dire

 
L'agenzia di stampa Dire mi ha riservato uno spazio sul proprio sito nel quale poter pubblicare articoli, riflessioni e considerazioni sui temi del welfare, del lavoro, dell'educazione, delle criticità sociali ed educative.

Questi i nuovi articoli pubblicati:
Educare alla morte per educare alla vita
Comporre una vita. Le differenze di genere nella terza età
Una finestra che si apre alla morte, a 16 anni per pochi grammi di droga, interroga tutto il mondo adulto
Ripensare le differenze di genere per ripensare la politica
Aperta la mia nuova pagina pubblica su Facebook "Vanna Iori Deputata"
Avendo raggiunto la quota massima di 5.000 amicizie sul mio profilo Facebook "Vanna Iori", e a fronte di centinaia di altre richieste di amicizia che purtroppo non posso più accettare, ho aperto la pagina pubblica di Facebook "Vanna Iori Deputata" a cui chiunque può liberamente iscriversi. La pagina viene aggiornata regolarmente con gli stessi contenuti presenti nel profilo "Vanna Iori".
Ad "Aria pulita" (7 Gold) su scissione Pd, cyberbullismo e giustizia minorile
Il 21 febbraio sono stata ospite della trasmissione televisiva "Aria Pulita" dell'emittente regionale 7 Gold per parlare di alcuni temi di stretta attualità: la scissione del Partito Democratico, i contenuti della legge di contrasto al cyberbullismo in discussione in Parlamento e l'orizzonte delle modifiche alla giustizia minorile italiana.

[Video] Riguarda la puntata integrale della trasmissione
Legge su educatori e pedagogisti: a che punto siamo?
La mia proposta di legge S 2443 "Disciplina delle professioni di educatore professionale socio-pedagogico, educatore professionale socio-sanitario e pedagogista", già approvata alla Camera, è ora in discussione al Senato (relatrice la senatrice Francesca Puglisi). Sono terminati gli emendamenti e manca il parere di tre commissioni. Speriamo di arrivare in aula al più presto.
La mia firma sul documento delle donne parlamentari del Pd per l’unità del partito
Il 15 febbraio, pochi giorni prima della dolorosa scissione, ho firmato un documento per l’unità del Partito Democratico, il più grande partito progressista europeo: un documento sottoscritto da donne parlamentari (o ex), perché la millenaria sapienza femminile è legata al prendersi cura, anche in politica, e al fare ogni sforzo per tenere unite le forze del Partito Democratico nel rispetto della pluralità delle idee. 
Su Radio Kairos per fare chiarezza sulla mia legge S 2443
Il 21 febbraio sono stata intervistata dai conduttori della trasmissione “Signore e signori, il welfare è sparito!", in onda su Radio Kairos e realizzata da educatori per dare voce agli operatori del mondo del sociale, agli utenti, alle famiglie e alla società civile. Tema della puntata: “Ddl 2443 Iori: educatore sociale, educatore professionale, educatore socio-sanitario, pedagogista e psicologo: quali prospettive professionali e di formazione? Cerchiamo di fare chiarezza!”. Dopo di me è intervenuta in collegamento anche la professoressa Giovanna Guerzoni, coordinatrice del corso di laurea in Educatore sociale dell'Università di Bologna.

[Audio] Ascolta il mio intervento in trasmissione
La mia intervista alle radio private nazionali: "Ius soli è una legge di civiltà"
Il 23 febbraio sono stata intervistata dalle radio private nazionali per quanto riguarda l'iter della legge sullo ius soli, attualmente in discussione in Parlamento, replicando alle polemiche sollevate dall'opposizione, in particolare dalla Lega Nord di Salvini: sono reazioni insensate perché quella sulla cittadinanza dei bambini stranieri nati o cresciuti in Italia (o che abbiano completato un ciclo di studi di almeno 5 anni) è una legge di civiltà che il Paese aspetta da troppo tempo.

[Audio] Ascolta la mia intervista integrale
Su Radio Cusano per commentare la drammatica vicenda di Monterotondo
Il 22 febbraio sono intervenuta in diretta durante la trasmissione "#GenitoriSiDiventa" su Radio Cusano Campus per commentare la drammatica vicenda di Monterotondo, una delle (purtroppo) tante storie di “sottrazione di minore” dietro le quali si nasconde un universo emotivo fatto di violenza, disagio e angoscia, di infanzie negate e di una genitorialità incompiuta.

[Audio] Ascolta il mio intervento in trasmissione
Continua la collaborazione con la sezione dei blog dell'Huffington Post
Il quotidiano online del gruppo L’Espresso Huffington Post mi ha messo a disposizione uno spazio settimanale per interventi di approfondimento su temi sociali e politici. Tutti gli articoli in archivio sono consultabili in qualsiasi momento da questa pagina.

Online il mio sito web www.vannaiori.it



 
Cari amici, potete anche seguire sul mio sito web la mia attività in Parlamento, nel territorio reggiano e in altre realtà italiane. Troverete le mie idee, il calendario della mie attività politiche, i miei contributi parlamentari, i comunicati stampa e gli interventi video. Potete seguire inoltre il profilo Facebook (per gli scambi quotidiani con gli amici e i follower) e l'account Twitter.
News dalla Camera dei Deputati
Per seguirmi sui social network o per contattarmi via e-mail
www.vannaiori.it
Facebook
Twitter @Vannaio
iori_v@camera.it
Si prega di non rispondere direttamente a questo messaggio perché è stato inviato da un indirizzo non programmato per la ricezione. Scrivere a iori_v@camera.it
Vanna Iori - Deputata del Partito Democratico

II Commissione Giustizia della Camera (segretario)

Commissione bicamerale Infanzia e adolescenza

Referente nazionale del Pd per infanzia e adolescenza
NEWSLETTER PRECEDENTI


Email Marketing Powered by Mailchimp