Copy
View this email in your browser
Besa Muci Editore
NOVITÀ IN LIBRERIA

Cose portate dal mare
di 
Ardian Vehbiu

PP. 328 – Prezzo 18,00 €
Traduzione di Valentina Notaro

ISBN 9788836290765

"Cose portate dal mare" è un acuto ritratto di come gli albanesi guardavano o immaginavano l’altra sponda negli anni del totalitarismo. Rivela molto dell’Albania di allora, e qualcosa di noi.
 
ALESSANDRO LEOGRANDE

Un saggio denso e al tempo stesso fluido come un testo narrativo nelle cui pagine l’autore descrive, attraverso la propria esperienza, i rapporti dell’Albania con il mondo oltre l’Adriatico.
L’Occidente, e l’Italia in particolare, rappresentano un mito incarnato da oggetti-feticcio, da programmi radiofonici e televisivi che disegnano un universo elettromagnetico, desiderabile e pericoloso. 
Un paradiso che tuttavia necessita di un inferno per essere anche solo immaginato.

ARDIAN VEHBIU, nato a Tirana nel 1959, oggi residente a New York, è uno scrittore e traduttore. Autore di articoli per la stampa albanese, in Italia ha pubblicato anche La scoperta dell’Albania. Gli albanesi secondo i mass media (1996), scritto con Rando Devole. 

Miele sul coltello

di Romeo Çollaku

PP. 160 – Prezzo 15,00 €
Traduzione di Eda Derhemi e Francesco Ferrari
ISBN 9788836290024

Una comunità di bizzarri personaggi 
in uno sperduto villaggio fra le montagne dell’Albania

In un villaggio sperduto fra le montagne dell’Albania meridionale s’intrecciano le vite di una comunità di bizzarri personaggi. Papateo, scorbutico prete ortodosso che tenta di addomesticare il suo gregge indisciplinato, e la sua nemesi: il misantropo Arcilé, medico e accanito fumatore, proprietario della più bella tabacchiera della regione. La sordomuta Kondja, incontenibile cultrice di pettegolezzi e Gilda, vedova italiana, che di quei pettegolezzi è il cuore e l’anima. Ndoni e Zef, i disertori che trovano rifugio nel piccolo borgo, Mihelangjelo l’incontinente, schernito da tutti quanti, Demetri il Verde, umbratile e solitario, Gogo il mago dello spathi ansioso di scoprire il mondo. 
Sono, queste, solo alcune delle voci che risuonano nel testo di Çollaku, voci che incarnano la vera essenza della narrazione: è la lingua, infatti, la protagonista assoluta del romanzo, una lingua che si esprime attraverso codici differenti che vanno dai gesti al silenzio, dalla facondia all’afasia, dalla lingua tradizionale al gergo, dagli arcaismi alla commistione con altre lingue, in una babele della comunicazione che rende il testo stratificato, complesso, intenso, mai banale. 

ROMEO ÇOLLAKU è nato nel 1973 a Saranda. Ha studiato lingua e letteratura albanese all’Università di Argirocastro e vive ad Atene. È autore delle raccolte di poesie Zemërvirgjine (1993), Gjithëdiell e natë (2003), Kumbaraja e kohës (2004) e dei romanzi Varrezat e vendlindjes (2002) e Ar e fosfor (2005), pubblicati in lingua albanese. Ha tradotto in albanese testi dei poeti Ghiànnis Ritsos, Giorgos Seferis, Paul Verlaine e Stéphane Mallarmé.

Il viaggio
El viaje

di Blanca Marina Ratner


La vita di chi è diviso fra due patrie 
in un diario sentimentale
ma non sentimentalistico


Testo bilingue italiano/spagnolo 
PP. 144 – Prezzo 14,00 €
ISBN 9788836290079

Salire su un aereo per ritrovare se stessi, le proprie origini. Per ricongiungersi al proprio dove, il posto da cui si viene e che ci si è lasciati alle spalle per un altrove in cui costruire una nuova vita e una nuova identità, con il rischio di sentirsi sempre stranieri. È quel che fa Blanca Ratner, che in questo romanzo-diario racconta di sé e del suo viaggio personale, quello che dall’Italia terra d’adozione la riporta nella natia Argentina, a Buenos Aires. 
L’autrice ricostruisce l’itinerario di un viaggio sentimentale ma non sentimentalistico, in cui passato e presente si rincorrono per raccontare una storia di riconciliazione e rigenerazione, di appartenenza e reciproca riscoperta, di cordoni ombelicali che si riannodano. Ne emerge una narrazione “bifronte” come la condizione di ogni migrante, in equilibrio sul filo di due esistenze parallele, con il dove e l’altrove che spesso si scambiano di posto. 

BLANCA MARINA RATNER è nata a Buenos Aires da padre di origine bielorussa nato in Polonia e madre argentina di origine ucraina. Diplomata in Chimica, ha compiuto studi di Biologia all’Università di Padova e vive in Italia dal 1988, lavorando per diverse realtà che operano nel campo della disabilità in Veneto. La scrittura è la sua compagna sin dalla tenera età. Ha partecipato al concorso letterario nazionale “Lingua Madre” e un suo racconto (Il distacco, inserito in questo volume) è stato pubblicato nell’edizione 2019 dell’antologia che raccoglie le opere degli autori selezionati. 
Ha pubblicato anche il racconto La famiglia nella stalla, inserito nel volume In sospensione tra due mondi, uscito per la regione autonoma Trentino-Alto Adige. Ha partecipato con racconti a tema a diversi reading organizzati dalla “Fucina letteraria” di Marostica (in provincia di Vicenza). 

Stranieri nell’Albania rossa
di Michele Brondino e Yvonne Fracassetti

Una testimonianza dal cuore
dell’Albania sotto la morsa
della dittatura


Prefazione di Sergio Romano
PP. 164 – Prezzo 15,00 €
Con inserto fotografico a colori
ISBN 9788836290857

Nel 1982, Michele Brondino viene mandato a Tirana dal Ministero degli Esteri per aprire i rapporti culturali con l’ultima dittatura rossa in Europa. Con la famiglia, si ritrova a vivere in un contesto difficile, nella morsa della dittatura del proletariato, un’esperienza unica tra il divieto di dialogare con l’altro e la forza comunicativa che si sprigiona sempre là dove vige l’oppressione.
I ricordi che gli autori ricompongono in queste pagine sono i pezzi di un mosaico ricostruito con i fievoli segnali di un popolo oppresso e silenzioso, ma dotato di una straordinaria volontà di sopravvivere e di salvaguardare la dignità umana. Un mosaico per dire ai giovani albanesi che vivono oggi nell’Albania della ricostruzione che senza memoria non c’è futuro.

MICHELE BRONDINO, storico del Mediterraneo, addetto culturale in Albania, Algeria e Tunisia, già direttore dell’Enciclopedia del Mediterraneo (EDM, Jaca Book), ha pubblicato numerosi studi sull’area mediterranea. Fra questi: Albania: un unicum nelle relazioni internazionali, in “Politica Internazionale” (1985); Il Nord Africa brucia all’ombra dell’Europa (2011); Italia-Albania nella politica del buon vicinato, in “Il Veltro” (2012).

YVONNE FRACASSETTI, francesista, è stata lettrice d’italiano presso l’Università di Algeri, addetta culturale presso l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi e direttrice dei servizi culturali al Consolato d’Italia a Lione e a Nizza. Ha pubblicato vari saggi sulle culture mediterranee, fra cui Albert Camus, figlio del Mediterraneo (2012) e Partire. Storia di una famiglia italiana emigrata in Francia (2020).

Le notti di Cabiria
Dalla sceneggiatura del film di Federico Fellini
di Tullio Pinelli


Un classico del cinema
nella versione per il teatro


PP. 112 – Prezzo 14,00 €
ISBN 9788836290031

100° Anniversario della nascita di FEDERICO FELLINI (1920 - 1993)

Nel celebre film di Fellini, Cabiria è una prostituta romana degli anni Cinquanta. Una donna gracile e ingenua, molto diversa dall’immagine della “battona” restituita dall’immaginario collettivo. Cuore puro e sogni da adolescente, Cabiria si scontra con la durezza del mondo in cui vive e coltiva un ostinato desiderio d’amore che la porta a esperienze drammatiche, ai limiti della morte. 
Pinelli trasferisce la sceneggiatura del film a teatro, restituendo un personaggio senza tempo e tutto un mondo di cui egli stesso, con Fellini e Flaiano, è stato l’inventore e il narratore cinematografico.
Il volume è arricchito dalla prefazione di Maricla Boggio, che firma anche un’intervista a Pinelli.

TULLIO PINELLI (1908-2009) è stato autore teatrale (Lo stilitaLa pulceI Padri EtruschiGorgonioIl ciarlatano meravigliosoLa sacra rappresentazione di Santa Marina), soggettista e sceneggiatore cinematografico. 
Ha lavorato con i maggiori registi italiani, da Rossellini a Lattuada, da Germi a Monicelli e Fellini, in film tra i più significativi del cinema mondiale, come La stradaLe notti di CabiriaLa dolce vita8 e 1/2. Ha esordito come narratore nel 1998 pubblicando La casa di Robespierre. Per Besa è uscita la raccolta di racconti Innamorarsi (2020). 

Così vicini, così lontani
La prossimità italo-albanese
dalle origini del secolo breve alla Resistenza

A cura di Antonella Fiorio e Vito Saracino


Un saggio che ricostruisce le relazioni interadriatiche fra Italia e Albania
nella prima metà del Novecento


PP. 104 – Prezzo 14,00 €
ISBN 9788836290888

Questo libro viene pubblicato a chiusura del progetto di ricerca condotto dalla Fondazione Gramsci di Puglia “Tracce di Resistenza: la Brigata Gramsci in Albania 1943-1945”, che ha impegnato giovani ricercatori nell’approfondimento delle relazioni interadriatiche tra l’Italia e l’Albania nella prima metà del Novecento, con particolare focus sul contributo dato alla Resistenza albanese dai militari italiani.
Nell’introduzione storica di Edon Qesari vengono delineati gli interessi italiani in Albania agli esordi della società contemporanea, mentre Vito Saracino analizza i tentativi di egemonia mediatica italiana alla conquista del Paese delle aquile. 
Basandosi sui documenti dell’Archivio di Stato di Tirana, Antonella Fiorio ricostruisce poi le vicende che hanno interessato la formazione partigiana italiana “Antonio Gramsci”, che in Albania ha contribuito alla Resistenza contro il nazifascismo. In coda un apparato di documenti scelti, funzionali a un lavoro di analisi da svolgersi nelle scuole.

ANTONELLA FIORIO, dottoranda in Scienze delle Relazioni Umane presso l’Università “Aldo Moro” di Bari, si occupa soprattutto di politica estera fascista nell’Europa orientale, Resistenza contro il nazifascismo, aspetti militari e sociali della Prima e della Seconda guerra mondiale.

VITO SARACINO è un ricercatore della Fondazione Gramsci di Puglia, ente per il quale è stato responsabile del progetto “Memorie dei Lavoratori in Capitanata” e consulente storico per le relazioni Italia-Albania nell’ambito del progetto “Tracce di Resistenza”. 
È Phd Europaeus in Cultura, Educazione, Comunicazione presso le Università di Roma Tre-Foggia.
Vincitore di due premi per la sua prima monografia, Un libertario a servizio della Murgia. Enzo Marchetti, ne ha conseguito un altro per Casa Arci! Sessant’anni di Associazionismo in Puglia.

Gli ordini sufi nell'Islam
di J. Spencer Trimingham

Un testo per addetti ai lavori e non, 
uno sguardo su una dimensione allargata del sufismo


PP. 436  Prezzo 25,00 €  Prefazione di Enzo Pace
Introduzione, traduzione e cura di Guglielmo Zappatore
ISBN 9788836290475

L’immagine efficace cui sovente si ricorre per definire sinteticamente cos’è il sufismo è quella della noce. Il guscio è la Legge (shari’a), il gheriglio è la Via che si segue per ascendere a Dio (tariqa), l’olio, che sottilmente permea tutto il frutto, è il simbolo della verità assoluta (haqiqa) che unifica le altre due dimensioni, finalizzandole alla scoperta del Dio unico. [...] È come dire: c’è un altro Islam, fra la fissazione dell’immutabilità e non interpretabilità della Legge, da un lato, e la politica d’identità praticata da gruppi e movimenti che si agitano nelle società a maggioranza musulmana, magari per organizzare una opposizione impossibile a regimi blindati, dall’altro. I sufi sembrano occupare la via mediana [...]: non contro la Legge né per la riduzione della religione alla pura logica della politica che, schmittianamente, guida l’agire secondo lo schema binario dell’amico/nemico. 

 (dalla Presentazione di Enzo Pace)

J. SPENCER TRIMINGHAM (1904-1987) è stato un islamista britannico e pastore anglicano. Studioso di cultura islamica africana, diresse il Dipartimento di Arabo e Islamistica presso la Glasgow University. Tra i suoi saggi più noti ricordiamo: Islam in EthiopiaLast great Muslim Empires The Influence of Islam upon Africa.

IN AGENDA
Per informazioni sull'acquisto dei libri
segreteriabesamuci@gmail.com
https://twitter.com/besa_controluce
https://www.facebook.com/besa.editrice/
http://www.besaeditrice.it
https://www.instagram.com/besa.editrice/


Besa Muci Editore
Via Duca degli Abruzzi, 13
73048 Nardò (LE)
Tel. +39 366.9937211

www.besaeditrice.it

Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list.
 






This email was sent to <<Email>>
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Besa Editrice · Via Duca degli Abruzzi 13 · Nardò, LE 73048 · Italy

Email Marketing Powered by Mailchimp