Copy
Next stop Napoli #LaDivinaCommediaProject 
View this email in your browser

Italiano | English

Cari amici e amiche della danza,

a novembre prossimo parteciperò come insegnante e coreografa alla 13a. edizione della Divina Commedia Project™ che si terrà a Napoli. Città di poesia, passionale e sorprendente, amata e scongiurata dagli stessi italiani, accoglie rivoluzioni, accoglie la tomba di Virgilio (il primo luogo che visitai a Napoli la prima volta che sono venuta in Italia con i miei genitori!) e accoglie ora l'inusitato progetto di Francesca Pedretti dedicato a danzatori e danzatrici di Tribal Bellydance nelle sue svariate forme. Si tratta di un fine settimana di seminari con lo spettacolo finale; la selezione dei partecipanti viene fatta su pre-candidatura e la preparazione dei costumi, disegno luci e di qualche sequenza coreografica accade nei due mesi precedenti via internet; il resto è improvvisazione. 
Nessuno meglio della creatrice del progetto per raccontarlo in prima persona. E così ho proposto a Francesca questa deliziosa intervista che leggerete in seguito. Che meraviglia di artista e amica! Forse non lo sapete, ma nel 2007 ho casualmente scoperto l'esistenza della sua compagnia Les soeurs tribales di Milano, ho inviato una mail a loro e ci siamo date appuntamento in un ristorante ai Navigli, un venerdì sera, per conoscerci. E da allora condividiamo tanti momenti di danza e di vita.
Se puoi, vieni con noi a Napoli, per danzare o solo assistere lo spettacolo. L'evento è curato da Elvira Maione e Laura Arcudi, due giovani creative e piene di grinta. Le iscrizioni aprono il 1° di agosto, mi raccomando.

Baci,
Isabel

Italiano | English

Dear dance friends,

next November I'll be teaching and choreographing a part of the Divina Commedia Project™ in Naples. The wild city seems to be a perfect place for the 13th edition of this successful theatrical bellydance improvisational project by Francesca Pedretti. She's a great dancer and friend, and I'm so looking forward to be choreographing the Hell for ATS® dancers of all skill levels who wish to try a contemporary/theatrical touch on their dance. Francesca will choreograph the Paradise and the local organizers and talented dancers Elvira Maione and Laura Arcudi will take care of the Purgatory. The casting starts on August 1st. Email tribalsoulnapoli@gmail.com if you wish to take part of this valuable dance adventure with us. You can see below some images of the past editions and read the interview (in Italian) that I just did with Francesca Pedretti, where she tells us the origins of the project and explains the whole process.

I hope to see you in Naples!
Hugs,
Isabel

Intervista a Francesca Pedretti, creatrice di Divina Commedia Project™

Poesia. Spiritualità. Avventura. Com'è sorta l'idea di ispirarsi a Dante Alighieri per un progetto di danza orientale tribale? E' andata esattamente così: volevo organizzare un evento che comprendesse dei seminari e uno spettacolo dove le partecipanti avrebbero potuto performare, che doveva durare in tutto un fine settimana. Sapevo che avrei coinvolto il danzatore francese Illan Riviere (che avevo invitato a Milano nel 2012, presentandolo al pubblico italiano) e l'amica Alice Giampieri, già nota interprete della Tribal Fusion. Quindi cercavo un tema che fosse composto da tre elementi: chiesi alla mia compagnia De Nova Luce® di scegliere tra qualcosa che si sarebbe chiamato "Trinity" e la "Divina Commedia": le mie compagne suggerirono Dante. Effettivamente hanno avuto ragione!



Sono già dodici edizioni complete, casting, workshop e spettacolo, oltre a tre edizioni con solo lo show o parte di esso. Facciamo un elenco completo dei luoghi. Dalla prima edizione a Milano nel Febbraio 2014, alla più recente di Riccione, nell'Aprile 2018, ci sono state edizioni a Jesi, Trieste, New York City, Roma, Belluno, Leicester, Firenze, Palermo, Padova e Parigi. E le edizioni con solo la performance si sono tenute a Viareggio, Barcellona e Namur (Belgio).

Decine di danzatrici partecipano ad ogni edizione. Ma anche degli artisti e coreografi notevoli… Le artiste più presenti e coinvolte in ogni senso nel progetto sono Alice Giampieri e Patrizia Pin, che dall'inizio hanno abbracciato con entusiasmo e ospitato nelle loro città la Divina: tra le altre danzatrici che hanno preso parte al progetto vorrei segnalare Anasma Vuong, Illan Riviere, Francesca Gigante, Violet Scrap, Lamia Barbara, Alexis Southall, Valenteena Ianni, Erica Vandi, Silvia Grassi e Isabel.

Quali sono stati i momenti più interessanti, più memorabili? Vedere il lavoro e la preparazione di Anasma a Belluno, con tutto il suo amore, con un grandissimo impegno, che mi ha fatto innamorare come sempre, quando seguo una sua lezione! L'emozione di essere a NYC (una certa aspettativa) e soprattutto durante i workshop, vedere come le danzatrici erano interessate alla conduzione del lavoro.



Tutti i ringraziamenti che le ballerine mi portano dopo avere partecipato: spesso sono un po' timorose rispetto al casting soprattutto, ma poi, l'emozione di stare sul palco con le artiste supera tutto. Quello che si crea nel mese precedente l'evento, dopo la selezione, quando inviamo le musiche e le immagini e tutte le istruzioni per prepararci alla performance, è un'energia importantissima e inspiegabile. Per me è splendido sentire tutte tanto felici dire: ' Quando lo rifacciamo?'

Come si svolge la transizione tra i seminari e la performance finale? Le danzatrici riescono a "entrare nel ruolo" in così poco tempo di preparazione? Durante il mese precedente all'evento vengono condivise con le danzatrici selezionate delle informazioni: musiche, idee, piccole sequenze di danza, costumi. Questo aiuta. Ma il punto cruciale di questo progetto è la rapidità con la quale le danzatrici apprendono il lavoro e si preparano a performare in poche ore di seminari: questo significa che parte del lavoro deve essere alternativo alla tradizionale coreografia. Alle volte spaventa un po', perché si richiede un'abilità sulla quale, nelle lezioni tradizionali, lavoriamo troppo poco, ma che effettivamente è proprio il mio lavoro Tribal Bellydance Emozionale®. Questa mia proposta, che davvero mi rappresenta in tutti i lavori, propone alle danzatrici un training relativo alla tecnica e alla parte coreografica ma anche una consistente parte di lavoro sensoriale ed emotivo, che porta le ballerine alla migliore interpretazione possibile. Sviluppo e miglioro questa tecnica dai tempi della creazione della mia compagnia De Nova Luce®, ormai una decade, sempre continuando i miei studi, nel teatro e naturalmente nella danza.



Qualche difficoltà da sottolineare?  La Divina non è un progetto perfetto: è sempre una sorpresa, è sempre differente dalla precedente edizione… ma questa è un po' la sua peculiarità, l'improvvisazione!

Cosa si prevede di questa nuova edizione napoletana? Io amo Napoli, la mia nonna viveva a Pallonetto Santa Lucia, prima di trasferirsi a Milano e pare che questo spirito non mi abbandoni… a Napoli mi sento a casa! Sono tanto felice di presentare in questa città il mio progetto; qui avremo un'edizione "speciale" con tre differenti stili di danza: Tribal Fusion, ATS® Contemporary Touch e Infusion Faith. In particolare quest'ultima fusione è del tutto innovativa e sono grata ad Elvira e Laura per presentare questa loro visione. Lavorare con Isabel per me è sempre un grande onore, oltre che un vero piacere. Sono curiosa di vedere il risultato di queste menti e stili differenti.

Progetti futuri? Per stare con Dante: Dio è Uno; l'Universo è un pensiero di Dio; l'Universo è dunque Uno esso pure. Tutte le cose vengono da Dio. 
Aspettiamo e sapremo.


Grazie mille Francesca!

Iscriviti al canale YouTube di Divina Commedia Project
Forward to Friend
Copyright © 2018 Isabel De Lorenzo, All rights reserved.


unsubscribe from this list    update subscription preferences 

Email Marketing Powered by Mailchimp