Copy
 
 
Clinical Pharmacy Journal
NEWSLETTER N. 133 - 9 DICEMBRE 2020
 
 
In questo numero
 
  • Un Natale di speranza
  • Lockdown e salute mentale dei farmacisti
  • Farmacisti e disinformazione sui farmaci anti Covid-19
  • Omega 3 negli anziani con artrosi
  • Nuovo approccio nella gestione del dolore 
  • Farmacisti clinici ed epatite C
 
 
Editoriale
 

Un Natale di speranza


Un Natale di speranza, quello che vivremo fra qualche giorno. Non una speranza generica di un futuro migliore, ma la speranza concreta che i vaccini per il Covid-19, già somministrati in Russia e nel Regno Unito, possano arrivare anche da noi quanto prima.
Dopo l’autorizzazione dell’Ema sarà possibile attivare la complessa macchina logistica per distribuire il vaccino nei circa 300 centri individuati dalle Regioni.
Saranno vaccinate dapprima le categorie più a rischio: gli anziani e il personale sanitario, categoria di cui i farmacisti sembra non facciano più parte nonostante abbiano versato un significativo tributo di vite umane.
La speranza che questo vaccino riesca a sconfiggere definitivamente questo virus e si possa riprendere una vita normale anche se sarà difficile superare la diffidenza per il contatto con gli altri, la paura che un altro microscopico organismo possa arrivare da qualche angolo remoto del pianeta e mettere di nuovo in ginocchio la nostra società.
Ci sentivamo padroni del mondo e ci siamo scoperti vulnerabili, eravamo indifferenti e ci siamo ritrovati solidali.
La speranza più grande è che uscendo da questa pandemia ci sentiremo parte di una comunità di esseri umani.
A tutti i lettori auguro Buone Feste, anche da parte del Presidente e del Consiglio Direttivo della Sifac, dando appuntamento a gennaio.

 
 

Valerio Cimino
Direttore

 
 
 
 
Lockdown e salute mentale dei farmacisti
 

Nel periodo del lockdown è stato condotto uno studio, le cui conclusioni hanno evidenziato le ripercussioni negative sulla salute psico-fisica del professionista sanitario.
Analizzando un campione di 135 farmacisti francesi, tramite compilazione di questionari autovalutativi, si è rilevato come il 17% del campione riportasse significativi sintomi post-traumatici stress correlati; in 33 soggetti sono stati verificati sintomi da esaurimento emotivo. Detti disturbi, peraltro, hanno avuto una maggiore incidenza su soggetti di sesso femminile.

Alessandra Tuveri

 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7539790/
 
 
FARMACIA E COUNSELING
Farmacisti e disinformazione sui farmaci anti Covid-19
 

L’attuale pandemia da Covid-19 e l’infodemia concomitante hanno portato ad affermazioni di superiorità ed efficacia farmacoterapeutiche non comprovate da studi scientifici. Inoltre, società e siti web non autorizzati hanno commercializzato trattamenti e test nuovi non verificati.
I farmacisti sono quotidianamente interrogati da pazienti su farmaci da banco, integratori, vaccini e kit per test. Perciò il loro ruolo risulta cruciale nella lotta alla disinformazione online per aiutare i pazienti ad evitare di cadere vittima di stratagemmi di marketing e di informazioni “too good to be true”.
L’auspicio degli autori è che i farmacisti continuino a combattere attivamente la disinformazione come atto di responsabilità professionale e obiettivo di salute pubblica.

Alessia Florio

 
https://www.japha.org/article/S1544
-3191(20)30548-3/fulltext
 
 
PATOLOGIE E CURE
Omega 3 negli anziani con artrosi  
 

L'osteoartrosi è una delle principali cause di dolore cronico e disabilità. Accanto all’infiammazione, è stato ipotizzato che il dolore nell’artrosi possa essere dovuto a una riduzione del flusso sanguigno, con conseguente danno micro-vascolare, a livello articolare.  Sono stati reclutati 152 anziani in sovrappeso/obesi con artrosi, suddivisi in quattro gruppi di intervento, a cui sono stati somministrati per 16 settimane: olio di pesce (2000 mg/die di acido docosaesaenoico + 400 mg/die di acido eicosapentaenoico), curcumina (160 mg/die), curcumina + olio di pesce, placebo. I risultati mostrano che gli omega 3 portano a una riduzione del 40% del dolore cronico e ad un miglioramento del benessere e della funzione micro-vascolare. La curcumina, invece, sia da sola che combinazione con olio di pesce, non ha ridotto le misure del dolore. 
Ulteriori indagini dovrebbero essere intraprese per valutare l'efficacia degli omega 3, da soli e in aggiunta alla farmacoterapia convenzionale, in pazienti con osteoartrite.

Paolo Levantino

 
https://academic.oup.com/rheumap/article/4/2/rkaa036/5875620
 
 
PATOLOGIE E CURE
Nuovo approccio nella gestione del dolore
 

Nonostante l'ampia disponibilità di opzioni di trattamento, una percentuale significativa di pazienti sperimenta dolore da moderato a grave sia in ambito ambulatoriale che ospedaliero. L'uso clinico di una combinazione di farmaci analgesici, che agiscono su diverse vie del dolore periferico e centrale, fornisce un'analgesia efficace a un dosaggio inferiore degli oppioidi, riducendo il rischio correlato e producendo meno effetti avversi. Gli oppioidi, una volta considerati l'approccio standard per prevenire il dolore postoperatorio acuto, vengono così sostituiti da una combinazione di farmaci analgesici come parte di un approccio multimodale. La selezione del farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) e dell'agente oppioide appropriato dovrebbe essere adattato alle necessità analgesiche del paziente, al suo rischio gastrointestinale e cardiovascolare.

Paolo Levantino

 
https://link.springer.com/article/10.1007/
s40265-020-01369-x#Sec14
 
 
FARMACIA E COUNSELING
Farmacisti clinici ed epatite C
 

Il coinvolgimento del farmacista clinico durante tutto il piano assistenziale previene errori terapeutici dannosi nei pazienti con epatite C, trattati con antivirali ad azione indiretta, e porta ad una riduzione significativa dei costi (1,2 milioni di euro per 1.930 pazienti trattati).
Il farmacista, all’interno del team multidisciplinare, migliora la riconciliazione terapeutica, monitora l’aderenza alla terapia, gestisce le interazioni farmacologiche e gli eventi avversi. Ciò permette di gestire al meglio i costi sanitari, evitare visite non necessarie, e scegliere il regime ottimale per ogni paziente, grazie ai diversi follow-up.

Paolo Levantino

 
https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31811290/
 
www.sifac.it
 
 
Inoltra ad un amico
 
Seguici su Facebook
 
Registrato presso il Tribunale di Cagliari al n. 7 del 26.06.2015
 
Direttore responsabile:
Valerio Cimino
Hanno collaborato a questo numero: 
Paolo Levantino, Alessia Florio, Corrado Giua Marassi e Alessandra Tuveri.