Copy
 
 
Clinical Pharmacy Journal
NEWSLETTER N. 127 - 16 SETTEMBRE 2020
 
 
In questo numero
 
  • Editoriale
  • Zenzero per infiammazione e stress ossidativo 
  • BMI e trattamento antireumatico
  • Metotressato per via topica nella psoriasi
  • Remdesivir nella terapia anti-coronavirus
  • Sperimentazione clinica in farmacia
 
 
Editoriale
 

Riprendiamo le pubblicazioni del Clinical Pharmacy Journal dopo la consueta pausa estiva.

In questi mesi il  ritorno alla (quasi) normalità ci ha fatto dimenticare i lunghi mesi di lockdown.
Discoteche e assembramenti nelle località della movida hanno determinato un "rimescolamento" del contagio e una crescita dei positivi in tutta Italia, specie tra i giovani.
La ripresa della scuola, nonostante l'impegno per rendere sicure le aule, rischia di aumentare il contagio a causa dei comportamenti irresponsabili tenuti all'esterno.
Occorre, pertanto, un'opera di educazione sanitaria alla quale noi farmacisti possiamo e dobbiamo dare un contributo significativo.

 
 

Valerio Cimino
Direttore responsabile

 
 
 
 
Zenzero per infiammazione e stress ossidativo 
 

Una revisione sistemica e meta-analisi di studi randomizzati controllati (RTC) ha mostrato che l’integrazione di zenzero da un lato riduce in maniera significativa i livelli della proteina C-reattiva, dell’interleuchina-6 e del fattore di necrosi tumorale, dall’altro aumenta la capacità antiossidante totale. Inoltre, l’analisi dei sottogruppi sottolinea che l'effetto dello zenzero su CRP e TNF-α è più pronunciato negli studi con un intervento maggiore di 80 giorni.
In conclusione l'integrazione con lo zenzero può migliorare lo stato di salute negli adulti abbassando i marker di stress infiammatorio e ossidativo.

Paolo Levantino

 
https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/
S2210803320300361

 
 
 
ADR E INTERAZIONI
BMI e trattamento antireumatico
 

Uno studio descrittivo osservazionale retrospettivo ha indagato gli effetti del peso corporeo sugli esiti del trattamento per l’artrite reumatoide. Sono stati inclusi un totale di 297 pazienti. I risultati mostrano che nei soggetti con un indice di massa corporea BMI ≥25 kg/m2 il trattamento era inefficace mentre nei soggetti con BMI <18,5 kg/m2 il trattamento veniva sospeso a causa degli effetti collaterali.

Paolo Levantino

 
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/jcpt.13136
 
 
VARIE
Metotressato per via topica nella psoriasi
 

Il metotressato (MTX) sodico è impiegato per la sua efficacia nella terapia della psoriasi ma la somministrazione sistemica è associata a numerosi effetti collaterali. La somministrazione topica intradermica è ostacolata dalle proprietà chimico-fisiche del principio attivo che viene eliminato molto rapidamente dai tessuti rendendo necessarie frequenti somministrazioni, a discapito della compliance del paziente. Per superare tali limitazioni è stata studiata una preparazione a base di nanocristalli di MTX formulati all’interno di microaghi in grado di dissolversi completamente e rapidamente in vivo.
Il deposito di farmaco che si crea dopo somministrazione intradermica permette un rilascio prolungato per 72h con una minima esposizione sistemica e una clearance notevolmente rallentata. Questa formulazione si può considerare una promettente soluzione migliorata per il trattamento della psoriasi.

Katia Vaiarelli

 
https://reader.elsevier.com/reader/sd/pii/S09280987
2030258X?token=408DA80A5CBB411468BE
13B245D4E029661DFFBBCB6D927C55135B045
D61ECFBE6535D89EC8025654DB011BE2A1C2C2E
 
 
PATOLOGIE E CURE
Remdesivir nella terapia anti-coronavirus
 

Nell’ambito dell’attuale emergenza dovuta alla diffusione pandemica dell’infezione da Covid-19 risulta evidente la necessità di individuare opzioni terapeutiche valide con un appropriato profilo rischio-beneficio. Un recente studio sistematico ha valutato il principio attivo Remdesivir che ha dimostrato di avere un profilo rischio beneficio favorevole nelle infezioni gravi da coronavirus e una minore incidenza di effetti avversi gravi rispetto al placebo, sebbene siano necessari ulteriori studi per integrare le informazioni relative alla sicurezza di tale principio attivo.

Katia Vaiarelli

 
https://link.springer.com/article/10.1007/s40264-020-00952-1
 
 
FARMACIA E COUNSELING
Sperimentazione clinica in farmacia
 

Uno studio ha valutato il ruolo delle farmacie comunitarie nella sperimentazione clinica di fase 3 su una nuova combinazione di corticosteroidi per via inalatoria, usati per la terapia di mantenimento di asma e Bpco. È il primo studio di questo genere condotto in farmacia. I farmacisti partecipanti allo studio hanno intrapreso un percorso di formazione molto articolato con studi di regolamenti legislativi, pratiche cliniche, farmacovigilanza.
La difficoltà per i farmacisti è stata quella di dover garantire un normale processo di dispensazione per il farmaco sperimentale. Tale studio potrebbe essere il punto di partenza per progetti futuri, dato che la farmacia rappresenta un punto di riferimento in assistenza primaria per i pazienti durante la terapia di mantenimento.

Giuseppe Fimiani

 
https://onlinelibrary.wiley.com/doi/epdf/10.1111/ijpp.12647
 
www.sifac.it
 
 
Inoltra ad un amico
 
Seguici su Facebook
 
Registrato presso il Tribunale di Cagliari al n. 7 del 26.06.2015
 
Direttore responsabile:
Valerio Cimino
Hanno collaborato a questo numero: 
Giuseppe Fimiani, Corrado Giua Marassi,
Paolo Levantino e Katia Vaiarelli,