Copy
Newsletter Ottobre 2018

GUARDANDO AI BISOGNI DI KIKWIT

Giorni intensi a Maison de Paix, alla periferia di Kikwit. All’attività educativa della scuola dell’infanzia si affianca il dialogo e l’incontro con le famiglie, mentre è arrivata a circa due ettari, dei sette che sono parte integrante del progetto di SFERA, la messa a coltura dell’appezzamento agricolo. Sono le giovani che stanno facendo esperienza di comunità con le Suore Francescane Angeline a lavorare per adesso la terra, assieme all’agronomo congolese che cura anche la manutenzione della struttura. Lo sviluppo della parte agricola del progetto di Maison de Paix è sicuramente occasione di promozione e di coinvolgimento di quanti abitano nella zona. Tutto aiuta a radicare sempre di più il progetto nel territorio. 

Per contribuire alla vita di Maison de Paix

CARTA DI CREDITO o PAYPAL dal sito www.sferaonlus.org

BONIFICO o ASSEGNO a: S.F.E.R.A. Gennaro Franceschetti Onlus
  Banca Fineco         Iban IT77 V030 1503 2000 000 0341 2274
  La Cassa Rurale     Iban IT42 C080 7835 5400 000 3301 3361

5XMILLE scrivendo nel 730/MU il codice fiscale di SFERA 98160060178 

LA BENEDIZIONE DEL VESCOVO DI KIKWIT
ALLA CAPPELLA DI MAISON DE PAIX

Giovedì 18 ottobre 2018 il Vescovo della Diocesi di Kikwit, Timothèe Bodika Mansiyai, benedirà la cappella del convento delle Suore Francescane Angeline all’interno della Maison de Paix. Un momento atteso e desiderato dalla Fraternità che vive a Kikwit.



 


PRANZO DI SOLIDARIETÀ A PRALBOINO

La solidarietà può passare anche attraverso la tavola. E’ avvenuto a Pralboino, in provincia di Brescia, lo scorso 30 settembre, dove la Parrocchia, in collaborazione con l'Amministrazione Comunale, A.Ge, Caritas e Gruppo Alpini ha organizzato un pranzo in Oratorio a base del tipico spiedo bresciano. Gianni Nicolì, componente del Consiglio direttivo di SFERA, Nino Scalvini (nella foto in basso a sinistra), volontario dell’associazione, ed Eugenio Ferri, medico chirurgo che ad agosto ha trascorso tre settimane in Congo, hanno raccontato la loro esperienza. Il pranzo solidale è stato l'occasione per il presidente dell'A.Ge di di Pralboino, Andrea Decca, di comunicare da parte della sua associazione la donazione a SFERA di 900 euro in segno di adesione e sostegno al progetto Maison de Paix . Un grande grazie a chi ha organizzato e a chi ha donato.

CINEMA AFRICA 2018

E’ iniziata a Brescia lunedì 8 ottobre (e prosegue per tutti i lunedì del mese nel Cinema di Borgo Treno in via Fabio Filzi, 3) la dodicesima edizione di “Cinema Africa”. E’ promossa dall’Associazione Kamenge con la quale SFERA si è proposta di collaborare alla programmazione della rassegna, in modo particolare per la parte dedicata alle scuole che d’intesa con gli insegnanti viene realizzata nei primi mesi dell’anno. La collaborazione entrerà nel vivo con la tredicesima edizione della rassegna, ma già da quest’anno i promotori hanno inserito il logo di SFERA nel materiale promozionale delle quattro serate.

 

AFRICA, GERMOGLI DI FUTURO

Prima di fare rientro in Africa dopo avere partecipato a Roma ad un convegno internazionale, Ghislaine Kahambu Kambesa, co-responsabile del Movimento dei Focolari nella Repubblica Democratica del Congo, si è ritagliata del tempo per alcuni incontri a Brescia dedicati a SFERA.
Il Movimento dei Focolari è uno dei promotori dell’Associazione e partner locale importante per la realizzazione del progetto Maison de Paix a Kikwit.

Ghislaine ha incontrato il tesoriere e il segretario dell’associazione, e ha partecipato ad un incontro pubblico intitolato “Africa, germogli di futuro” promosso congiuntamente dal Movimento dei Focolari e da SFERA.
 
Nata nel Congo Est, figlia di un militare, quinta di dieci fratelli, Ghislaine ha sostanzialmente passato l’infanzia in una caserma (Non certo il massimo per l’educazione dei bambini – sottolinea con ironia - Eppure…). Vive a Kinshasa e lavora negli uffici per lo sviluppo dei progetti economici dell’Ambasciata del Belgio nella Repubblica Democratica del Congo .

 
Ghislaine, da dove si comincia a dire qualcosa del Congo?
Il mio è il Paese del superlativo: popolo grande, territorio immenso, povertà straordinaria, fiume enorme, foresta interminabile, miniere infinite.
 
E i contrasti sono ovviamente proporzionati
Decisamente. Quando un occidentale arriva da noi, dopo un po’ arriva la domanda inevitabile : Ma come si fa a vivere in queste contraddizioni? Si resiste. Un Vescovo ha detto che in Congo c’è un popolo che si rifiuta di morire. Ed è questo attaccamento alla vita che ci fa vedere tutto con un occhio più positivo.
 
Che non vuol dire, immagino, non riconoscere la realtà!
La situazione è complicata, lo sappiamo bene, anche per un atteggiamento che è conseguenza del sistema di sfruttamento di cui il paese è vittima e che ha alimentato una sorta di “cultura della mano tesa”: tutti chiedono, tutti si aspettano qualcosa .
 
Come a dire: siccome voi approfittate da sempre del mio paese, non potete non darmi ciò che chiedo.
Ed è questa “cultura”, chiamiamola cosi, che impedisce al mio paese di uscire dal circolo vizioso dell’assistenzialismo, anche se lo chiamiamo cooperazione allo sviluppo, perché quando si pretende di promuovere lo sviluppo dall’alto si finisce per immettere risorse dentro una macchina che ne trattiene per sé la massima parte.
 
Come se ne esce?
Noi non ci rassegniamo e vogliamo provare a cambiare questo sistema per consentire al paese di vivere senza dipendenze.

In che modo? Attraverso la politica?
Attraverso il cambiamento delle persone. Per cambiare il sistema abbiamo pensato di fare leva sullo spirito di comunione. La malattia del popolo congolese, infatti, è la mancanza di comunione, l’incapacità di fare le cose insieme, di volersi bene.
 
Concretamente…
Prima di tutto abbiamo pensato di mettere insieme i giovani, a prescindere dalle tribù di origine – in Congo ne abbiamo più di trecento – o dalle convinzioni politiche. E poi abbiamo aggregato professori di varie discipline, esponenti religiosi di diverse fedi e culture, strutturando un vero e proprio percorso di formazione. L’unico requisito richiesto era, è l’amore per il proprio Paese e il desiderio di cambiare una situazione non più sostenibile. E abbiamo fatto un’esperienza di vita insieme molto profonda, di comunione. Con il passaparola siamo riusciti a riunire 120 appassionati di futuro e una ventina di docenti, con i quali abbiamo pensato e vissuto insieme. Il 14 luglio abbiamo chiuso il primo anno e il bilancio che abbiamo stilato ci fa dire che sì, è possibile che il Congo possa cambiare, partendo dal basso, dalle radici di questo paese dei superlativi.
 
In altre parole avete fatto un master di cittadinanza attiva.
Possiamo dire anche così. Il titolo è Ecoforleaders, che dichiara apertamente l’obiettivo: formare persone in grado di farsi carico del bene comune del nostro paese. In questo modo pensiamo che piano piano possiamo incrinare il sistema di disunità, di guerra, di tribalismo, di corruzione che oggi regna nel nostro paese.
 
Come siete riusciti a far partire una scuola che poteva anche essere letta come una sfida allo stato attuale delle cose?
Solo per il fatto di esistere, la nostra scuola rappresentava un problema. Viviamo in un contesto politico e sociale pericolosamente instabile. Provate a pensare, con queste premesse, cosa avremmo potuto fare se ci fossimo messi a tavolino a calcolare i rischi a cui andavamo incontro. Se si vuol pianificare tutto, non si farà mai niente!
 
Avete corso dei rischi?
Tra gli iscritti alla scuola c’erano anche tre militari, entusiasti dell’esperienza che si stava vivendo. Grazie ai loro consigli abbiamo evitato tanti guai. Se c’erano situazioni per le quali era meglio non farsi trovare troppo in giro, ce lo facevano sapere e noi con whatsapp avvisavamo tutti. Ma sempre ci siamo preparati come se tutto dovesse filare liscio, pronti però a cambiare i programmi. In Congo è così per ogni cosa: dalla scuola ai matrimoni agli incontri. E diventa anche positivo, perché il rischio c’è, ma ogni difficoltà è affrontata con coraggio.
 
Ma noi, qui, cosa possiamo fare per esservi d’aiuto nella maniera giusta?
Io penso che prima di tutto sia necessario pregare per continuare a sentirci fratelli: quello che accade all’altro tocca anche me. Sentirci fratelli ci aiuterà a scalfire il sistema che organizza l’odio e le guerre, perché si tratta davvero di una organizzazione. E poi possiamo, insieme, pensare e realizzare progetti che nascano dal basso perché nel processo di cambiamento dei sistema abbiamo bisogno certamente di dare pane a chi ha fame, di dare istruzione ai i bambini che non hanno l’opportunità di andare a scuola.
Chi può deve sicuramente continuare ad aiutare concretamente l’Africa e sostenere questa volontà di cambiamento che rinnega tribalismo e corruzione. Attraverso SFERA diversi amici sono venuti in Congo e hanno condiviso la nostra realtà. La fratellanza ha bisogno di scambi di esperienze vitali.

AFRICA NEWS

IL PREMIO NOBEL PER LA PACE AL CONGOLESE MUKWEGE

“Per l'impegno contro lo stupro come arma di guerra”. Con questa motivazione il Premio Nobel per la Pace 2018 è stato assegnato al medico e attivista congolese Denis Mukwege e all'attivista yazida irachena Nadia Murad che ha denunciato al mondo gli abusi subiti dalle donne yazide per mano dei miliziani dell'Isis nell'agosto 2014. Denis Mukwege è un medico che ha trascorso gran parte della sua vita aiutando le vittime delle violenze sessuali nella Repubblica democratica del Congo. Mukwege e il suo staff hanno curato migliaia di vittime, ha spiegato l'Accademia svedese nelle motivazione del Nobel. Mukwege “ha ripetutamente condannato l'impunità per gli stupri di massa e ha criticato il governo congolese e quelli di altri paesi per non aver fatto abbastanza per fermare l'uso della violenza sessuale contro le donne come arma di guerra”. 

Associazione S.F.E.R.A. 
Gennaro Franceschetti onlus
Via Bollani 20 25123 Brescia - Tel. 030 46781 – Fax 030 46781 C.F. 98160060178

Copyright © 2018 Associazione "S.F.E.R.A. Gennaro Franceschetti" Onlus, All rights reserved.