Copy
“Non, je ne regrette rien”
Edith Piaf

Caro amico e cara amica,
diversi anni di cammino e ricerca spirituale, se vuoi permetterci il termine, ci portano a concepire il Natale come un momento da vivere nell'interiorità, assaporando il passaggio dalla vita alla morte e ancora alla vita lasciando quanto non ci serve più. Fermarci. Fermarci, affinché forze magiche compiano quanto necessario. E abbracciare, con rinnovata forza, entusiasmo e vita, il sentimento di responsabilità come custodi.

Ti auguriamo pertanto di rifiorire e splendere,
e illuminare il cuore di altri, col tuo solo sguardo.

Ed ecco un breve estratto dal libro "Cosa ci dicono gli esseri elementari" per rimanere in contatato con la natura e la sua saggezza, per stimolare la coscienza, per la bellezza delle parole che seguono:

Cosa significa il periodo di Natale per la natura?
«Lo spirito delle acque: Sono i dodici giorni santi e le tredici notti sante. Non dimenticate che ci sono tredici notti sante! La prima notte è quella del 24 dicembre, e l'ultima è quella tra il 5 e il 6 gennaio.
W.W.: Cosa avviene in quei giorni e in quelle notti nella natura?
Lo spirito delle acque: In quei giorni la natura assume direttamente le forze cosmiche. Il cielo è allora completamente aperto, e gli uomini dovrebbero in effetti aver sistemato le loro cose in modo tale da potere fermarsi in questi dodici giorni e tredici notti sante. La cosa migliore sarebbe che meditassero, anche se questo non è così facile nella normale quotidianità delle persone. In questi giorni e notti le gerarchie si manifestano, una per giorno, ovvero per ogni notte. [...] La notte tra il 24 e il 25 dicembre è la notte del regno minerale, perché il Cristo è venuto sulla terra. Poi viene la notte delle piante, quella degli animali e così via. [...] San Silvestro sta a metà dei dodici giorni e delle tredici notti sante e divide anche un anno dall'altro. È un giorno molto importante: è il giorno della retrospettiva.
W.W.: Gli uomini in questo giorno dovrebbero fare una retrospettiva?
Lo spirito delle acque: Senz'altro.
W.W.: Qual è il significato dell'Epifania?
Lo spirito delle acque: È il giorno della nascita del secondo fanciullo Gesù, che viene raccontata nel vangelo di Matteo. Ma questo lo sai! Ma la maggior parte degli uomini oggi non lo sanno più. Questo fanciullo Gesù è quello del futuro.
W.W.: Che significato ha questo giorno per la natura?
Lo spirito delle acque: Lo stesso che ha il 25 dicembre. Nella notte del 25 dicembre nacque il Gesù che tutti conosciamo, quello passato. La sua nascita è descritta nel vangelo di Luca. In realtà gli uomini dovrebbero festeggiare il Natale il 6 gennaio, poiché oggi è più importante il figlio del re, descritto nel vangelo di Matteo.

V. Stael von Holstein: Etcewit (Lo spirito delle acque) non lo ha sottolineato troppo, ma per gli esseri elementari è molto importante che gli uomini acquisiscano una coscienza della seconda parte del Natale. La maggior parte delle persone mettono via i loro addobbi natalizi con l'inizio del nuovo anno, e questo è di enorme importanza per le entità arimaniche, poiché il Gesù di Matteo è stato dimenticato. Il Gesù di Matteo ha a che fare con la conoscenza, mentre il Gesù di Luca ha a che fare con il sentimento e viene spesso reso kitch dagli uomini. Gli esseri elementari trovano terribile questo fatto. Essi sottolineano sempre di nuovo che noi dobbiamo meditare sul Gesù del futuro, cosmico e sapiente, legato alla conoscenza, e sul Cristo.»



Fino al 31 dicembre puoi ricevere uno sconto di 7 euro su tutto il catalogo libri e il bio-shop di macrolibrarsi! Contattaci per ricevere il codice: scrivi “giardino in tasca” e invia a permacultura@maninellaterra.org.


“La Bellezza è la moneta della Natura, non bisogna accumularla, ma farla circolare.” John Milton


Ultimi articoli sul blog

Opinioni. Empatia? Tenerci i "panni" e fare qualcosa. L'empatia‬, lo sforzo di sentire o capi quello che provano gli altri, non sempre ci aiuta a fare del bene. Spesso è un sentimento più "distaccato" che ci permette di prenderci cura degli altri.

Il Natale: educare nell’epoca del surplus. La salute e dunque la cura dei figli è un compito dei genitori, così come l'educazione, la crescita e il sano e corretto sviluppo: tutti temi collegati da e all'alimentazione. È proprio nel periodo natalizio che bisogna porre maggior attenzione alle abitudini e alle concessioni, per evitare gravi conseguenze del modello consumistico.

Dopo il 13 dicembre, un'altra soluzione!
Feriti i consumatori, traditi gli europeisti, amareggiate le aziende italiane... come festeggiare il Natale con questo clima? Su internet leggiamo di complotti delle multinazionali, di persone comuni che urlano "boicottiamo!" e altre, forse con rabbia o forse con tristezza, "è tutta una truffa". Allora che fare, boicottare o arrenderci? C'è un'altra possibile risposta, ma implica qualcosa in un certo senso più difficile delle azioni già proposte, ovvero: la responsabilità individuale.

Buona lettura!


Prossimi per-corsi

APRILE
2-4




MAGGIO
1-3




**tutte le parole in verde e/o sottolineate che trovi sono link, cliccaci sopra!**

pensa all'ambiente prima di stampare questo messaggio
tu sei quello che fai, non quello che dici
prenditi cura della Terra, abbi cura delle persone, condividi le risorse