Copy
Apri questa mail sul tuo browser

D'altronde è Novembre...


...il mese delle pare e dei pipponi. No?
Ok l'ho inventato, però converrete con me che Novembre è un gran mese di merda, di magoni, ...e  per dirlo io che a Novembre ci compio gli anni, figuratevi!

Sarà quell'atmosfera pre-natalizia, quel tempo di merda che ti affacci dalla finestra e sei a Sleepy Hollow...
Novembre rappresenta un po' il mese della saudade.
O per lo meno lo è per me.

Qualche giorno fa a casa dei miei, nella mia vecchia cameretta, ho ritrovato una scatola di quelle Ikea trasparenti, piena di mie Smemo (che più che agende sembrano il pranzo strappato dalla bocca di un cane!), Smemo farcite come dei panini!
Mozziconi, testi delle canzoni incollate da TV Sorrisi e Canzoni, immagini di ballerine prese su internet e stampate con la prima stampante, scritte e dediche col bianchetto, decorate con le penne gel di settantordici colori pastellino metallizzate.
Chewingum del tipo che mi piaceva scotchate sulle pagine, confessioni inconfessabili...
Cartacce e scontrini conservati come preziosi tesori di un eredità.
Mozziconi di sigaretta.
Sì, l'ho già scritto sopra.
Volevo ribadire il concetto.
Mozziconi. (Cazzo che schifo!)
Foto di gite.
Foto no-sense scattate a concerti col dito davanti e una macchia bianca sullo sfondo che è Elisa, (lo è di sicuro, c'è scritto sopra con l'Uniposca) Barfly ELISA 1998.

Smemo e album di foto.
Ma che viaggione è, guardare un album di foto vecchie? 
Sfogliare un album di foto "vere"!
Quanto suona male invece "scorrere le foto sul telefono/hard disk?"
Che poi di tutti gli hard disk pieni di foto archiviate, quanti di noi tornano poi a guardarle durante gli anni?
Nessuno. Anzi, un 2% di noi forse.
E quel 2% di noi, sull'hard disk stava cercando altro... e nelle foto ci si è imbattuto. Non vale.
Questo perché?
Perché sono troppe le foto dentro l'hard disk.
Tantissime foto.
Un weekend a Roma: 7 GB - 6.221 foto.
Io a casa dei miei ho un album di 40 pagine in cui ci sono le foto di 6 viaggi.
Dai miei 5 ai miei 12 anni.
Ecco. Una via di mezzo!
Stampare almeno una decina di foto all'anno. Che ne so!
Ma non le foto del cibo daje su!, magari delle foto che davvero quando le risfoglieremo ci ricorderanno qualcosa!

Lo so c'è Instagram, ma non è uguale.
Coi vostri nipoti cosa sfoglierete? Il profilo Instagram?

Comunque lo scorso Natale c'erano delle offerte su Cheerz e su LaLaLab e ne ho stampate una 50ina di anni diversi, e giuro che per mettere insieme delle foto che tra qualche anno potrebbero avere un significato, ho faticato tantissimo!
Ho scoperto di avere centinaia di foto dello stesso tramonto da casa mia, mille foto dei miei piedi nell'acqua di Trèmiti, settemilaeduecento foto di Ralph (RalfuccioAMamma! quelle si stampano tutte!), cinquecentoventitrèmila foto di pane e ricci sugli scogli, foto de miei piedi su pavimenti carini scattate chi si ricorda dove... 
E una domanda nasce spontanea: Ma come minchia dovrei riuscire tra qualche anno a guardare una foto tra queste e ricordarmi "Ah sì! che bello quel giorno qualsiasi, di quel mese che probabilmente era prima dell'estate ma forse settembre, di quell'anno che era sicuramente quello in cui aveva fatto più caldo..."
Ma dai! È difficilissimo!
A mala pena riesco a ricordarmi le password dei trecento account sparsi per il World Wide Web.
Veronica Queen of HaiDimenticatoLaPassword?CliccaQui.



Conclusione (sì finalmente ci siamo): voglio provare a scattare "più consapevole". 
L'instagrammabilità nelle foto stampate non serve, anzi. Non conta proprio un cazzo.
Ho riguardato foto di quando avevo 14 anni con le amiche, e vi assicuro che sono tutte foto buie, orrende, con dita dacanti all'obiettivo, a volte sfocate, di certo sovraesposte...ma io quei momenti lì li ricordo davvero quando li riguardo. Ed è incredibile perchè appunto non ricordo cosa ho mangiato due giorni fa.



Ora vi invito a fare questo esperimento: guardate le foto sul vostro telefono e provate a scegliere UNA SOLA FOTO che stampereste ora.
Immaginate di poter stampare UNA SOLA FOTO. Una di cui tra qualche anno sapreste ricordare, il perché, il dove, con chi, quando.

Nel mio caso non so se riuscirei a trovarne una. Intendo una storia legata a una foto.
Ora vado a provarci.
E poi preparo la mia selezione di foto da stampare il mese prossimo!

Peace&Love
 
Nuovo appuntamento con la GAZPAIntervista

Oggi intervista a

Fabiola Ruggiero
Cose di Tè
VERONICA: Per prima cosa, grazie mille per aver accettato questa mini-intervista!
Passiamo alle domande che non vedo l'ora di farti!

FABIOLA: Grazie a Te mitica Gazpa! Ciao a tutti, sono Fabiola Ruggiero, un'addicted di Tè, che oltre 10 anni fa ha deciso di cambiare vita e lavoro, abbandonando una carriera nel marketing e nella comunicazione, per dedicarsi alla propria passione. Da quella scelta di sana incoscienza è nata Cose di Tè, la mia impresa, attraverso cui facciamo conoscere in Italia il Tè in foglie e la sua cultura. Abbiamo una selezione speciale che vendiamo online e in negozi specializzati, ma soprattutto, cerchiamo di promuovere la conoscenza della bevanda e delle sue tradizioni, grazie alla nostra Scuola di Tè che ha sede a Jesi.  
VERONICA: Quand'è stata la prima volta in cui ti sei innamorata del Tè ed hai iniziato a pensare che potesse connettersi con la tua professione - o meglio - diventarlo?
FABIOLA: 'indole intraprendente e lo spirito un pò ribelle li ho sempre avuti. Nel mio cuore ho sempre desiderato crearmi un lavoro libero e indipendente; la passione per il Tè è diventato il veicolo naturale per realizzare questo sogno.
Ricordo però che ho avuto l'intuizione, tanti anni fa.
All'epoca vivevo a Parigi, e alcuni amici, conoscendo la mia passione per il Tè mi portarono a conoscere una Maestra Taiwanese, molto famosa all'epoca, per una degustazione di Tè cinese.
Questa esperienza mi ha toccato profondamente, per la bellezza e per la magia dei gesti misurati con cui la Maestra, mi faceva scoprire l'Oolong che stava preparando.
Sono uscita da lì con la convinzione che un giorno avrei fatto qualcosa con il Tè. Come spesso succede però ho chiuso la porta e non ci ho più pensato....poi diversi anni dopo, al momento giusto, l'idea è rispuntata e ho capito che era il tempo di realizzarla.
 
VERONICA: Come e quando hai deciso che mollare tutto e buttarsi nel Tè era la cosa giusta?
FABIOLA: L'occasione è arrivata qualche anno dopo, rientrata in Italia. Cercavo un'occasione per lanciarmi ma avevo anche tante paure: per l'dea sicuramente non comune e anche per le implicazioni economiche che avviare un'impresa comporta... avrei anche dovuto lasciare un super lavoro, avevo un bimbo piccolo...
Casualmente ho letto da qualche parte del Prestito d'Onore, una forma di finanziamento agevolata che la Regione Marche concedeva alle migliori idee di business e ho deciso che mi sarei data una chance.
In meno di un mese ho presentato il business plan (che ovviamente avevo già in testa da tempo!!!) e sono stata selezionata!
A quel punto, non avevo più scuse, così sono partita.
 
VERONICA: Qual è la cosa più difficile del tuo lavoro e quella più gratificante?
FABIOLA: Ci sono tante cose difficili direi, ma la più tosta direi è quella riuscire a vedere in ogni minaccia un'opportunità.
Soprattutto quando le cose sembrano troppo complicate, in salita, mantenere un atteggiamento mentale positivo e aperto, mi ha sempre salvato:-).
Continuare a crederci, perché se non ci credo io...sicuramente non ci crederanno gli altri.
La più gratificante? I racconti felici e i sorrisi dei clienti che ci raccontano quanto gli è piaciuto il nostro Tè e l'esperienza della scoperta.
Questa è la cosa che mi dà più entusiasmo e a cui penso intensamente, proprio nei momenti di difficoltà.
Il pensiero che una buona tazza di Tè possa portare un pò di allegria, serenità o novità nella vita delle persone è la mia più grande motivazione.
VERONICA: Quando hai pensato che l'e-commerce era la direzione giusta da prendere (www.cosedite.it )?
FABIOLA: Da sempre direi! Il Tè è una cosa antica, super antica perché ha più di 4mila anni, ma che a me piace promuovere in maniera innovativa e il mondo digitale rappresenta un'opportunità straordinaria, soprattutto per le piccole e micro imprese. Il web ci ha aiutato molto a crescere in questi anni. Bisogna prendere ciò che c'è di positivo e di buono.
VERONICA: La richiesta più strana che ti hanno fatto negli anni?
FABIOLA: Una richiesta che ci fanno spesso è se c'è un Tè che si fuma!!! ...ovviamente la risposta è no ...basta berlo!
VERONICA: Quali sono le Sale da Tè più belle d'Italia secondo te?
FABIOLA: La Sala da Tè in generale non è un luogo molto diffuso in Italia.
Esistono pochi posti dove poter godere di un buon Tè servito come si deve....visto in positivo...ciò vuol dire che c'è ancora tanto spazio per far crescere questo mercato!
Una delle più famose è sicuramente Babington a Roma in Piazza di Spagna. Inoltre alcuni giovani innovatori, fanno cose molto belle, proponendo il Tè in abbinamento ai cibi, come alternativa al vino.
VERONICA: Cosa ne pensi della sostenibilità? Come è applicabile al discorso del Tè?
FABIOLA: La sostenibilità è un pensiero molto legato al Tè in foglie.
A differenza del Tè in bustina infatti, l'impatto ambientale è decisamente più limitato quando utilizziamo direttamente le foglie di Tè.
Le simpatiche Teabag ad esempio rilasciano miliardi di nanoparticelle di plastica nella tazza di Tè che poi beviamo.
Inoltre, nella Teabag stessa sono presenti materiali termoplastici non biodegradabili, per cui rimarranno nell'ambiente per migliaia di anni.
Quando utilizziamo direttamente le foglie, avremo solo un rifiuto organico, totalmente biodegradabile!
VERONICA: Cosa la gente non conosce ancora sul Tè?
FABIOLA: Rispetto a quando ho iniziato, è sicuramente più chiara consapevolezza che il Tè in foglie rappresenta un prodotto di qualità che fa bene alla persona e non fa male all'ambiente. Per il resto, per fortuna c'è sempre qualcosa da imparare: quella del Tè è una favola infinita!
VERONICA: Il tuo tè preferito in assoluto e un vaggio indimenticabile che hai fatto...
FABIOLA: Adoro i Tè oolong, Tè semi-fermentati. Uno dei miei preferiti è il Tie Guan Jin: lo amo per le sue note fiorite e dolci. Ogni volta che lo bevo mi sembra di tuffarmi in un bouquet di fiori freschi!
Il viaggio indimenticabile...quello che devo ancora fare!...come dicevo il Tè è una storia infinita:-)
VERONICA: Quest'anno hai rinnovato logo e sito! Wow! Credi molto nel potere del web/marketing digitale?
FABIOLA: Siiii!!! Se non ci fossero bisognerebbe proprio inventarli!
VERONICA: Cosa ti auguri per il futuro di Cose di Tè?
FABIOLA: Che sia profumato, gustoso e sorprendente, come una buona tazza di Tè!
VERONICA: Grazie mille per la tua disponibilità! Ci vediamo in aTèlier!
FABIOLA: Grazie a Te! E ovviamente siete tutti benvenuti in aTèlier:-) Anzi approfitto per invitarvi al nostro prossimo evento: il 7 Dicembre alla Pinacoteca di Jesi, faremo una dimostrazione di Cerimonia Giapponese del Tè. Se non l'avete mai vista, approfittate di questa occasione: è un momento veramente magico!

Segui Cose di Tè su Instagram!
Disclaimer: tutte le interviste che scelgo di fare NON SONO IN ALCUN MODO RETRIBUITE!
La scelta dei protagonisti è mia e assolutamente a mio gusto :-)

Compiti per le NON-Vacanze

  • Il 30 Novembre* è il mio 33esimo Compleanno, ed io amo ricevere gli auguri! Fate un po' voi! 😂😂😂
    *Memo per la mia amica Federica: I love you.
  • Piantare un albero grazie a Treedom.com: è possibile “adottare” un albero da piantare e contribuire alla riforestazione!
  • Salite in macchina, sparatevi un vostro cavallo di battaglia a tutto volume e cantate a squarciagola: aiuta. Giuro che aiuta. Non avete la macchina? Fatelo da qualche parte, ma non fatevi arrestare eh!
    Se ve lo state chiedendo  è "Sere Nere" un grande classico delle mie cantate in macchina. Qualsiasi sia il mio umore quando parte il ritornello DI SEREEEEEE NEREEEEEEE CHENONCETEMPO NONCESPAZIOOO E MAI NESSUNO CAPIRAAAAAAA VUOI RIMAAAAAAA-NEREEEEEEEEEE ...non ce n'è per nessuno!

Se passate ad Ancona e dintorni non perdetevi...

HALLOWEEN A GRADARA!
Dal 31 Ottobre al 3 Novembre
Gradara, AN
Link

GAZPA's prefe del mese 

〰️ Da ascoltare 〰️
Trovi la playlist su Spotify sempre aggiornata a questo link.
🎵Hindi Zahra Beautiful Tango
PLAY
🎵Lila Downs, Mariachi Juvenil de Tecalitlàn La Llorona
PLAY
🎵CRLN feat Dutch Nazari Da capo
PLAY
🎵Dengue Dengue Dengue Serpiente Dorada
PLAY
🎵Jhon Montoya, Mateo Kingman Lluvia - Jhon Monotya Remix
PLAY
🎵Sfera Ebbasta Happy Birthday
PLAY
〰️ Da leggere 〰️
Quattro cose da sapere sull'aggressione della Turchia contro i curdi in Siria
Fonte: VICE
〰️ Da guardare 〰️
  • GLOW: su Netflix, un tuffo nell'america degli anni '80, com'è nato il wrestiling femminile, meravigliosi costumi e storia molto figa. Incredibile come il wrestling sia marginale in tutta la storia nonstante sia il protagonista.
  • The Good Place: su Netflix, se hai paura della morte e il pensiero ti angoscia questa serie la amerai!
  • Sisters: su Netflix, in lingua inglese, umorismo inglese, a tratti dark ma anche comica.
  • Agents Of S.H.I.E.L.D.: scoperta su Fox anni fa, ora tutte le stagioni sono su Netflix, è una serie della Marvel, che si incastra con i vari Avengers!
  • Working Moms: su Netflix, la vita di alcune neomamme è spaventosa ma anche super spassosa; se mai mi fosse balenata l'idea di avere figli, guardando 'sta serie passa tutto ahahah!
  • La Casa de Las Flores: su Netflix, stupenda la fotografia, gli intrighi di questa famiglia mi hanno completamente catturata, tant'è che la guardo in spagnolo (disponibile anche in inglese).
  • Questo video qui sotto:

Femministe e Antifemministe discutono: parità, sessismo e intersezionalità in Italia
Fonte: VICE

 
〰️ Da mangiare 〰️
Il Tè di Fabiola

Ingredienti:
  • Comprate uno dei buonissimi blend di Fabiola sul suo sito www.cosedite.it
Procedimento:
Quando vi arriva il pacco, scacciate il corriere in malo modo e mettete il bollitore sul fuoco.
Appena l'acqua è della temperatura corretta per il tè che avete scelto (sì ogni blend richiede una temperatura tutta sua!) e sparatevi una tazzona di squisito tè. Quale tè? Qualsiasi tè scegliete è una bomba!
Se proprio volete strafare, Fabiola vende online anche il SET PER FARE IL TUO BLEND PERSONALE!

Enjoy!

Novità del mese

Ecco la selezione del mese:
  • @sissiland_: Silvia è una siciliana laureata in lettere, trapiantata a Parma dove convive con il suo compagno. Silvia parla di amore e disabilità, i suoi post sono super motivazionali e pieni di forza contagiosa. Silvia soffre di una tetraparesi spastica che rende la sua vita molto speciale e ogni giorno ne condivide un pezzetto sul suo account: assolutamente meravigliosa!
     
  • @federicacascia: Federica è marchigiana e vive a NYC! Sul suo account parla di climate change e spinge a fare ognuno la propria parte per salvare il nostro pianeta. Ha creato un movimento che si chiama Comfort Zone Shake-Up.
A presto!
Twitter
Instagram
Website
Copyright © 2019 GAZPA, All rights reserved.